Capitolo 2_1

Dialetto “Badengo”, un piccolo scrigno di preziosi ricordi da riscoprire

Dicivomo ‘na vòjlta all’Abbadia, di Balilla Romani, è uno di quei preziosi piccoli scrigni che racchiudono dentro dì sé parole, aneddoti, momenti di un passato familiare e agreste che davvero vale la pena di conservare.

In una montagna che, anche sotto il profilo della lingua, si è evoluta come un’isola e dove modi di dire e pronunce sono addirittura diversi da paese a paese, il dialetto “Badengo” rappresenta davvero un tesoro ereditato dal passato che è giusto riscoprire, conservare, valorizzare. Una delle più vivide rappresentazioni di quella vita di montagna fatta di botteghe di artigiani, di stili di vita umili ma pieni di dignità, che oggi ci sembra lontana, ma che in realtà lontana non lo è affatto.

Ma qual è il suono del Badengo? Sentirlo parlare non è come leggerlo. Nasce e si sviluppa come lingua orale e dunque è nel suono che esso ritrova la sua più bella rappresentazione.

Grazie all’aiuto di Balilla, abbiamo la possibilità di rivivere alcuni di quegli aneddoti, di quelle vicende che sono come splendide cartoline di un passato incredibilmente autentico.

“I’ bburru de’ i’ ppòru Calìsto” è una di queste storie di vita che ha dato origine a uno dei modi di dire più conosciuti.

“I’ ppòru Calìsto c’iva ‘na bbuttighetta annù ci vennìva un po’ di tuttu: da i’ bbaccalà a la sodìna, da i’ ppretògliu a le saràcche; ‘nsomma, ‘n po’ di tuttu. Però sempre le solite cose ci teniva. Va cché ‘n ggiornu ‘nvece, gl’ìvono pòrtu i’ bbùrru; ma all’Abbadia, i’ bbùrru… e cchi ll’ìva mai vistu? Càpita ‘na vècchia e tte lu vede. «Mhèèè Calìstu!? E cche ff… résca è cchésta?» «È bbùrru!» Gli disse sèriu sèriu i’ ppòru Calìsto che ttante vojltte, co’ ‘n cchélle che annàvano a sservissi da llùi ci si volìva pròpriu divertì. Allora sta’ vècchia gli fa: «Ma… è bbònu? Dàmmulu popò ‘n pezzéttu, che lu voglio assaggià! E… Ccome si còce?» «Ne’ i’ treppièdi!» gli rifà ‘n’àjlttra vòjlta seriu seriu i’ pporu Calisto, come pe’ ddìgli che s’era bbèll’e cché ‘ncamàtu di stà llì a rispònna a tutte chélle dimànne. Chélla, annò a ccasa, c’ìva i’ ffòcu accésu, mésse du’ bbràce sotto a i’ trreppièdi e ci mésse sopra i’ bbùrru. Poi devètte annà di cùrza ne’ i’ ddisòttu a’ ffa’ ‘na pisciàta, perché a quant’è che gli scappàva, se nun annàva a ffàlla se la facìva addòssu. Ma ppe’ qquàntu gli sembrò ddi èssici stàta pocu, perché cco’ la’ paùra che cchi’ bbùrru gli s’abbruciàsse, féce prìma a rrisalì che a scégne, quànno ritornò, de’ i’ ccàru bbùrru nun c’era rimàstu più mmàncu la crìa. «Figliu de’ ‘na pùt… tàngula! Lu so io che ffìne ha ffàttu i’ mmi’ bbùrru!» Chiàppa la palétta de’ i’ ffòcu e …ttónfa, a cchi’ bbrùttu, gghióttu, làdru di chi’ ggattàcciu ‘nfàme. Che… se ll’era magnàtu tùttu!”

Tratto da: Dicìvomo ‘na vojltta all’Abbadia, Il Mio Libro, Roma 2014

Condividi:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Nome *
Email *
Sito web