cretti ph

Cretti, o delle fragilità: anteprima nazionale al Cinema Teatro Amiata

Il Cinema Teatro Amiata ospita domani venerdì 22 aprile alle ore 21.30, in anteprima nazionale, Cretti, o delle fragilità, la piece che si presenta come un “solo” di danza teatro e che nasce da uno studio di Francesco Chiantese sui testi di Ingmar Bergman.

Lo spettacolo realizzato in collaborazione con FORMULA NUOVA ARCADIA vede protagonista Elisa Bartoli con il coordinamento di Aurora Scofano.

In scena si indaga il momento in cui gli esseri umani manifestano tutta la loro fragilità finendo per assomigliarsi. Entrando e uscendo dai testi di Bergman si va alla ricerca del punto di rottura, si cerca di fotografarlo, di dilatarlo e di mostrarlo al pubblico perché vi si riconosca.

I brandelli di testo sono presentati con semplicità, quasi a mani nude; al centro della scena resta il corpo, svelato e non mostrato, suggerito e non detto, che affronta frammento dopo frammento una drammaturgia esplosa che si ricompone piano davanti al pubblico, per poi dissolversi delicatamente in un momento di riconciliazione, di pace, di scoperta della serenità in un piccolo istante.

Assieme a “Requiem popolare”, precedente lavoro di Francesco Chiantese, Cretti, o delle fragilità costituisce la tappa di uno studio attorno al Teatro dei sintomi (In limine, appunti per un teatro dei sintomi, Francesco Chiantese ed. Lampidistampa 2012); un tentativo di arrivare ad una nuova idea di popolare che comunichi, con tutti coloro che si rendono disponibili al dialogo, su di un piano sottostante e più nascosto di quello occupato dal linguaggio, ad un piano appunto sintomatico dove il dialogo può avvenire “senza la superstizione della comprensione”.

Condividi:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Nome *
Email *
Sito web